Categorie
Diario di bordo

Magia alle cascate delle Marmore: come arrivarci, percorsi e info

Le cascate delle Marmore sono uno di quei posti che ti portano fuori dal mondo, sopratutto se si va soli, in settimana, nel periodo covid e di gente ce n’è poca.
Questa estate ho scelto di girare l’Italia zaino in spalla e le Marmore sono state una delle tappe che più ho amato!

Alle cascate delle Marmore sono arrivata in treno da Terni. Arrivando in treno si ha l’entrata delle cascate dalla parte superiore, così da avere la vista dall’alto delle cascate, quindi si può vedere il flusso dell’acqua che scende dal suo principio.
Una cosa la quale sono rimasta un po’ basita è l’apertura delle acque. Non mi ero informata tantissimo prima di andarci, avevo visto gli orari di apertura e le informazioni principali.
Una volta arrivata al mattino, avevano da poco aperto i cancelli e, fortunatamente, eravamo in pochi a visitare le cascate.
Mentre ammiravo dal belvedere la cascata, ogni tot minuti suonava un allarme, tipo coprifuoco nella seconda guerra mondiale! Guardandomi attorno la gente sembrava essere tranquilla mentre io non capivo. Curiosando, chiedo informazioni giusto per togliermi il dubbio e mi viene chiarito che dopo quattro “allarmi” verranno aperte le acque (?!). Non capisco bene ma fingo che sia tutto chiaro. Alle 11.00 in punto, dopo il quarto allarme, la cascata si riempie molto, molto di più rispetto all’inizio che la stavo ammirando.
Ammetto di esserci rimasta un po’ male, sinceramente, non sapevo che venissero “aiutate” dalla mano dell’uomo.

Il percorso da fare alle cascate delle Marmore

Il percorso delle cascate delle Marmore può iniziare dal basso o dall’alto. Io, essendo arrivata in treno, ho percorso il sentiero partendo dalla vista superiore quindi in discesa e poi l’ho rifatto risalendo per poter riprendere il treno.
Dalla vista superiore, dopo un bar posizionato all’inizio del sentiero, ci sono le segnaletiche che portano a seguire il percorso. Inizialmente ci sono dei scalini da scendere, tanti scalini, il sentiero porta ad assaporare tutta la cascata nella sua discesa. Lungo il sentiero ci sarà un piazzale dove c’è il tunnel che porta al “balcone degli Innamorati”, assolutamente da non perdere. In questo periodo delicato l’entrata al balcone è gestita all’ingresso del tunnel, essendo un posto ristretto per evitare assembramenti. Inoltre c’è la possibilità di visitare il balcone con una visita guidata, che racconterà la leggenda e nascita della cascata. La guida è compresa nel prezzo del biglietto e bisogna prenotarsi, hanno diversi orari. Dopo il balcone degli Innamorati si continua nella discesa, percorrendo il bosco nella sua bellezza, attraversando piccoli ponti e passando accanto alla bellezza della cascata.
A fine sentiero, guardando verso l’alto, si potrà gustare la bellezza estrema di questa cascata guardandola dal basso verso l’alto.
Dalla vista inferiore c’è la possibilità di gustarsi qualcosa di fresco al piccolo chiosco presente e acquistare qualche souvenir nel ricordo di questa magica giornata trascorsa nel cuore d’Italia: l’Umbria!

Per maggiori info, qui trovi il sito ufficiale

Come arrivarci da Terni con i mezzi

Inizialmente pensavo di non riuscire ad arrivarci. Chi mi ha seguito in estate sa che la destinazione la sceglievo la sera prima, senza nessun itinerario e progetto ma, una volta arrivata a Terni, tramite la gente del luogo, ho trovato il modo di arrivarci con i mezzi. Da Terni arrivarci è molto semplice: io ho usato il treno, in 15 minuti si arriva a Marmore. Dalla stazione di Marmore, con una piccola passeggiata, in pochi minuti ci si ritrova davanti all’ingresso delle Cascate delle Marmore. Se si arriva in treno l’ingresso delle Cascate è dalla vista superiore mentre se si arriva in bus l’ingresso è dalla vista inferiore.
Se invece si vuole utilizzare il bus, ci sono dei bus che partono dalla stazione degli autobus, vicino la stazione dei treni, che portano davanti all’entrata delle cascate delle Marmore.
Per raggiungere le Marmore in treno, consulta il sito

Conosci la leggenda della nascita delle cascate delle Marmore? Leggi qui il mio articolo



I 10 comandamenti (più uno) del buon camminatore
  1. Fermarti quando il tuo corpo e la tua mente lo necessitano.
  2. Riprendere fiato dopo una lunga salita.
  3. Seguire il proprio ritmo.
  4. Parlarsi, ascoltarsi, capirsi, accettarsi, amarsi.
  5. Accettare le difficoltà e superarle.
  6. Non tutto si ottiene subito.
  7. Sorridere, sempre e comunque.
  8. A volte perdersi ci fa scoprire strade e panorami che ci tolgono il fiato.
  9. Potete mollare.
  10. Decidere con chi camminare è fondamentale.
  11. Vivere di poco è il segreto della felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *