Categorie
Diario di bordo

Tesori nel cuore della Puglia: la terra delle Gravine

La terra delle Gravine: qualcosa che non può mancare nel vostro prossimo tour in Puglia.

Oggi vi parlo di qualcosa che, ho notato, non tutti conoscono della Puglia: la terra delle Gravine.

Gravina di Laterza
Prima di tutto, cosa sono?

Le gravine sono incisioni erosive profonde anche più di 100 metri, molto simili ai Canyon, scavate dalle acque meteoriche nella roccia calcarea.

Le loro pareti sono molto inclinate ed in alcuni casi verticali. La gravina è una formazione carsica che ha avuto origine grazie agli spostamenti tettonici che hanno a loro volta permesso l’emersione dell’intera Puglia dai fondali marini. Inoltre, questi spostamenti oltre a far emergere le terre, hanno creato, nelle zone più friabili, lunghe e profonde lesioni.

In seguito, la forza del vento, delle acque e il progressivo disboscamento delle zone hanno scavato ulteriormente le gravine in profondità e larghezza.

Ancora oggi scorrono, sul fondo delle gravine, i torrenti che le hanno scavate.
Non è difficile trovare lungo le gravine insediamenti rupestri medioevali ma anche preistorici, grazie alla forte presenza di grotte e di cavità.

Gravina di Palagianello
TESORI PUGLIESI NASCOSTI

Strano a credersi, ma questi preziosi e bellissimi canyon non sono molto conosciuti.
Io ne sono follemente innamorata e potrei stilarvi una lista delle più belle Gravine da visitare qui nella bellissima Puglia dell’entroterra!

Sì, perché la Puglia non è solo mare, anzi, è ricca di una preziosa natura chiamata Murgia.
Nelle Gravine si possono fare delle bellissime escursioni e immergersi in una flora particolare e scorgere la fauna tipica di questi posti.

Alba sulla Gravina di Castellaneta

Ogni gravina si differenzia dalle altre: ci sono gravine piccole, gravine più ampie e profonde, tutte caratterizzate da una particolare e ampia biodiversità, grotte e insediamenti umani risalenti al Paleolitico.

La terra delle Gravine è una delle più importanti aree naturalistiche d’Europa. Inizia dall’altopiano della Murgia, diradandosi da nord a sud, terminando sulla costiera Tarantina.

LA MIA LISTA DELLE GRAVINE PIU’ SUGGESTIVE, ASSOLUTAMENTE DA VEDERE

Il modo migliore per attraversare questa bellissima terra io consiglierei, ovviamente a piedi, la via Ellenica del cammino materano. Con questo cammino avrete la possibilità di vivervi appieno questa meravigliosa terra.

Inoltre ci si può affidare a delle escursioni guidate, presenti su tutto il territorio pugliese.

Gravina di Laterza

Ad ogni modo, con qualsiasi mezzo visiterete questa terra, eccovi le più belle Gravine da non perdere:

  • Gravina di Laterza, un canyon mozzafiato che lascia letteralmente senza parole. Ci sono 4 diversi trekking che si possono percorrere. Presente anche la sede LIPU;
  • Gravina in Puglia, da cui prende il nome la città stessa;
  • Gravina di Castellaneta, presenti escursioni guidate di cui consiglio di affidarvi a loro: amici delle Gravine di Castellaneta;
  • Gravina di Palagianello, detta anche di San Biagio, è il terzo canyon più grande per dimensioni presente nel territorio;
  • Gravina di Ginosa, un piccolo canyon che circonda la città per oltre 10 km. Presente il Rione Rivolta, uno dei più importanti villaggi rupestri d’Italia;
  • Gravina di Massafra, o Gravina di San Marco, dove la città di Massafra è arroccata sulle sponde della Gravina;
  • Gravina di Grottaglie, o Gravina di Riggio, una delle gravine più suggestive, a mio parere. Si trova tra una cascata, un laghetto e un piccolo torrente;
  • Gravina di Statte, o Gravina di Leucaspide, il miglior posto dove poter praticare l’arrampicata libera.
Arrampicata nella Gravina di Statte


I 10 comandamenti (più uno) del buon camminatore
  1. Fermarti quando il tuo corpo e la tua mente lo necessitano.
  2. Riprendere fiato dopo una lunga salita.
  3. Seguire il proprio ritmo.
  4. Parlarsi, ascoltarsi, capirsi, accettarsi, amarsi.
  5. Accettare le difficoltà e superarle.
  6. Non tutto si ottiene subito.
  7. Sorridere, sempre e comunque.
  8. A volte perdersi ci fa scoprire strade e panorami che ci tolgono il fiato.
  9. Potete mollare.
  10. Decidere con chi camminare è fondamentale.
  11. Vivere di poco è il segreto della felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *